Access-Control-Allow-Origin: www.risultativolley.it

Senago Over vs Dal Pozzo Ceriano
Andata 3-0 / Ritorno 3-2 (sempre x noi)
La serietà di certe squadre si vede anche da come sono distribuite le partite in campionato… ed è così che ci troviamo a giocare contro il Dal Pozzo prima la domenica e poi subito il venerdì. 5 giorni soli per provare tutte le emozioni del mazzo: gioia, tragedia, euforia, disastro… le montagne russe sono nulla a confronto. Ma andiamo con ordine.

Le avversarie sono bravine: due ottimi centrali con un buon feeling con l’alzatrice garantiscono loro un gioco veloce e a tratti discretamente spettacolare, ma le schiacciatrici non brillano in attacco e complessivamente in difesa nessuna spicca per intuizioni nè doti particolari, anzi in seconda linea spesso si creano da sole un po’ di confusione. La giovane età da un vantaggio nel fiato e nelle gambe, ma l’esperienza e la grinta delle Over dicono ancora la loro a questi livelli.
Noi arriviamo la domenica in formazione completa, ma a metà del primo set si compie la tragedia: opposta scomposta (sembra un anagramma ma l’anagramma avremmo voluto farglielo noi) invade il campo e fa prendere una seria distorsione a Marisa. Dopo un’infilata di anatemi sommessi riesce a dire solo “mi ci vorranno 3 mesi per riprendermi!!!”. Ma noi sappiamo che Marisa ha una forza di volontà rara e sarà di nuovo in campo al più presto. Dopo un episodio del genere però la squadra è scossa, ma al grido di “tutte per una!!!” si consuma la vendetta e si chiude il discorso con un secco 3-0 fuori casa. E su che si ritorna in vetta all’ottovolante.

Presa dall’euforia però Claudia torna a casa e si inciampa nel piumone… “caddi come corpo morto cade” mi dice zoppicando la mattina dopo… e si aggiunge poi la Sami che, alludendo a certe attività notturne con fruste e finestre aperte, si presenta venerdì sera con una spalla bloccata da un colpo d’aria. E giù che la carrozza delle montagne russe si rituffa nell’abisso: 6 contate, di cui 2 acciaccate. Annamo bene!!

Oki e crema scaldante per tutte e si comincia. I primi due set passano in un lampo, giochiamo convinte e concrete, pochi errori e si macinano punti uno dietro l’altro, neanche qualche scaramuccia sotto rete ci distrae. E su in cima di nuovo, a sfiorare le vette più entusiasmanti. Ma nel terzo e quarto set tutto cambia, si sprofonda e partiamo sempre sotto di 5 punti, annaspiamo, sembra sia entrata in campo un’altra squadra, anche se le 6 facce son sempre quelle, le uniche disponibili. Recuperiamo, combattiamo punto a punto, ma li perdiamo entrambi. 2-2 e tonfo giù, buio.

Nel quinto ci si gioca tutto, sorridiamo ci dice il capitano!!! Ma il copione sembra già scritto: di nuovo siamo dietro di una caterva di punti. E lì tutto cambia, dal solito fondamentale si riparte per cambiare marcia: la battuta. Alice ne infila una dietro l’altra e, quando non sono ace, sono aggressive a sufficienza da impedire loro di costruire, rimontiamo all’8-7 per noi. Ora il buio lo vedono loro. Cambio campo e ormai il giro in giostra è finito bambine: 3-2 per noi e il biglietto per il prossimo giro lo offre la casa!

Festeggiamo la vittoria e festeggiamo anche il compleanno della Sami… ah le fruste servivano per fare la cheese cake?!? Buona la torta… ma quanto è dolce anche il gusto di due vittorie così?!?

Valentina

X